Ivrea, srotolano uno striscione per Regeni al comizio di Salvini: identificati e schedati

Ivrea, srotolano uno striscione per Regeni al comizio di Salvini: identificati e schedati

16/06/2018 0 Di redazione

Fermati e identificati per aver esposto uno striscione dove si chiedeva verità per la morte di Giulio Regeni durante una manifestazione elettorale del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. È successo ieri sera a Ivrea, durante il comizio a sostegno del candidato del centro destra Stefano Sertoli al ballottaggio delle comunali che si terranno domenica.

Un piccolo gruppo di manifestanti, attivisti Radicali e di Amnesty International, ha srotolato uno striscione poco lontano dalla Serra, l’edificio simbolo dell’epopea olivettiana scelto dal neoministro per la sua manifestazione, ma subito sono stati fermati dai funzionari della polizia che seguivano il ministro. “Sono stati fermati e schedati mentre manifestano con civiltà contro l’inciviltà di Salvini a pochi metri dal ministro – scrive sul suo profilo Facebook l’ex consigliere comunale di Torino, Silvio Viale – Bravi ragazzi. Sono orgoglioso di voi. Inseguiremo Salvini in ogni dove”.

Ivrea, srotolano uno striscione per Regeni al comizio di Salvini: identificati e schedati

Lo striscione “incriminato”

Mentre si teneva il comizio, cui hanno partecipato circa 700 persone, a pochi metri si svolgeva anche un torneo di minibasket e alcuni giocatori hanno srotolato un altro striscione che sottolineava come Ivrea sia una città accogliente, in evidente polemica con le scelte in termini di politica migratoria del nuovo governo. A raccontare meglio l’accaduto una delle attiviste radicali fermate: “Ci hanno fermati, fatto le foto, chiesto i documenti e schedati – spiega – Una ragazza con la maglietta di Amnesty con su scritto ‘Protect the human’ non è stata neppure fatta avvicinare e, quando ha chiesto spiegazioni, l’hanno minacciata di portarla via”.

Spread the love
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •